Browse Category

Guide

Assemblare un Pc – Consigli Utili

Per avere il vostro PC dei sogni, magari ad un buon prezzo, con conoscenza è possibile risparmiare qualcosa assemblandolo da zero.

Per venirvi incontro vi elenco qualche consiglio sperando vi possa tornare utile.

Per primo dobbiamo conoscere scopo finale del PC, c’è chi lo usa per giocare, chi per studiare, chi per lavorare, ecc.
Sappiamo tutti che con un computer si possono fare tante attività, ma non tutti sanno che per ogni attività il calcolatore deve disporre di hardware dedicati a quel tipo di utilizzo.
Per esempio, un PC utilizzato per giocare dovrà avere una scheda video discreta, in modo da avere una buona grafica e un’ottima fluidità: sapere per cosa verrà utilizzato il PC può sembrare banale ma è molto importante.

Sappiate che la parte più difficile non è come molti pensano l’assemblaggio dei pezzi bensì scegliere i vari componenti hardware in modo che siano compatibili tra loro. Non c’e alcun problema dal punto di vista della compatibilità dei sistemi operativi, ma devono essere compatibili i vari apparati hardware tra loro: prima di tutto vanno selezionati Scheda Madre e Processore. Con compatibilità dei componenti intendiamo che il Processore deve essere compatibile con quella determinata Scheda Madre (in questo caso va controllato che Socket vuole il processore, poi si controlla tra le schede madri con quel Socket).

Tralasciando monitor, tastiera, mouse e case, per poter funzionare, un PC deve avere almeno la scheda madre, CPU, alimentatore, hard-disk, scheda video (che può essere integrata) e RAM. Come già detto, a seconda dell’uso bisogna prima scegliere i componenti adatti.
Se per esempio usate il computer per studiare, usando Microsoft Office e qualche altro programma, vi bastano 3 o 4 GB di RAM.
Se invece usate il pc per giocare dovrete pensare subito ad una buona scheda video, almeno da 1GB per gli ultimi giochi usciti.
Ovviamente tenete conto anche del rumore e dei consumi. Non penso piaccia a nessuno un pc rumoroso e con un consumo elevato!
Un’altro consiglio che posso darvi è nel caso compraste un monitor HD o FULL HD di controllare che la scheda video supporti la risoluzione per quest’ultimo.

Riguardo ai prezzi non posso dirvi molto visto che, in base all’evoluzione degli hardware cambiano in continuazione. L’unico consiglio dal punto di vista economico che posso darvi è di non comprare tutti i pezzi in un’unico centro, ma controllare in vari negozi, siti shopping i prezzi più bassi. Se comprate su internet non dimenticatevi le spese di spedizione!

Una volta comprati tutti i componenti arriva l’ultima fase: l’assemblaggio.
Per farlo dovete munirvi di cacciaviti, pasta termica e tantissima pazienza.
La pasta termica servirà per attaccare la CPU alla scheda madre quindi vi consiglio di comprare la pasta migliore per non correre il rischio che il processore si surriscaldi.

Assicuratevi inoltre di avere a disposizione tutti i cavi utili per i collegamenti degli apparati hardware.
Vi ricordo inoltre che state maneggiando su oggetti elettronici, quindi potreste andare incontro a delle scosse elettrostatiche quindi usate abiti appositi e tutte le precauzioni necessarie.

Come Liberare RAM del Pc

Tempo fa avevamo parlato di Memory Monitor come strumento per monitorare la memoria di Windows, utile per scovare problemi sul nostro PC. Vediamo ora un metodo per liberare velocemente memoria dal nostro sistema operativo.

Se si utilizza il computer per giocare probabilmente avete avuto la possibilità di notare che se si gioca per molto tempo e se si hanno vari altri processi aperti, il PC subisce dei rallentamenti che ci impediscono di giocare in maniera fluida.

Per ovviare a questo problema è possibile creare un semplice file su Notepad (Blocco Note) che servirà per “rinfrescare” la memoria RAM del nostro calcolatore, evitando spiacevoli rallentamenti.

Per fare questo dobbiamo aprire Blocco Note e digitare

Se si ha meno di 128MB di RAM, scrivere Mystring=(16000000)
Se si ha più di 128MB di RAM, scrivere Mystring=(80000000)
Una volta scritto, salviamo il file con il nome “libera.vbe” (senza virgolette. Per il nome potete mettere quello che volete, l’importante è che abbia estensione .VBE).

Quando avremo bisogno di liberare la RAM per migliorare il funzionamento del computer, sarà sufficiente fare doppio click sul file appena creato e, senza alcuna notifica aggiuntiva a schermo, questo invierà un comando al PC di chiusura di tutti i processi inattivi o inutili in quel momento. Come risultato libereremo abbastanza RAM che potrà essere utilizzata per il processo che stiamo utilizzando: saremo quindi in grado di godere di una maggior elaborazione da parte del nostro PC per il gioco che stiamo eseguendo, per guardare un film, ascoltare musica o altro.

Creare Rete WiFi con Windows

Oggi vedremo come creare rete domestica wireless con Router e Windows. In sostanza cercheremo di collegare 2 o più pc di casa, con Windows, tra di loro utilizzando il modem o meglio, il nostro router Wireless. Andremo a creare quindi una rete domestica LAN per scambiare dati e connessioni tra tutti i pc presenti in casa.

Il collegamento può essere effettuato in modo cablato o wifi. Nel primo caso tutti i computer dovranno avere la scheda di rete mentre nell’altro caso dovranno disporre di una scheda wifi.

Creare rete domestica con cavo grazie a Windows

Verificare preventivamente sul retro del router quante porte di rete sono presenti (in genere il numero massimo è di quattro) e se insufficienti al numero di computer da collegare è necessario acquistare un adattatore hub che implementerà ulteriore il numero di switch a disposizione.

Definito il numero di computer da collegare alla rete domestica, fornirsi di cavi di rete in numero uguale ai dispositivi da collegare. I cavi di rete sono facilmente reperibili presso qualsiasi negozio di informatica, .
Effettuato il collegamento hardware, adesso, per condividere la rete è necessario operare a livello software impostando i parametri corretti.

Fare clic sul Menù Avvio – Pannello di controllo – Rete e internet – Visualizza stato della rete e attività – Modifica Impostazioni Scheda.

Individuare la rete Lan e dal menù contestuale scegliere la voce Proprietà e poi un doppio clic su Protocollo Internet Versione 4, a questo punto selezionare la casella “Utilizza il seguente indirizzo IP” e introdurre un indirizzo ip univoco.

L’indirizzo ip è una serie numerica che identifica in modo univoco all’interno della rete il computer.

Esempio: 191.167.0.5 per il primo computer, 191.167.0.6 per il secondo … ripetere questa operazione per ogni pc da collegare alla rete.

In questa finestra è necessario scrivere l’indirizzo ip del router, questo valore spesso è riportato sul dispositivo stesso. Confermare i cambiamenti eseguiti facendo clic su ok.

Se non ci sono stati problemi, potete subito condividere immagini, video, musica, documenti testuali oltre che una connessione internet facendo clic su Rete e poi sul nome del computer condiviso.

Se non viene visualizzato nessun elaboratore, oppure compare un messaggio di accesso negato, verificare sul terminale condiviso che le impostazioni di rete siano correttamente impostate e consentano la condivisione, fare clic su Menù Avvio – Pannello di controllo – Rete e internet – Visualizza stato della rete e attività – Modifica impostazioni di condivisione avanzate e modificare tali valori.

Creare rete domestica Wireless con Windows

Se i computer da condividere hanno integrato una scheda wifi si può evitare di usare ingombranti fili per casa e creare così una rete domestica senza fili.

In questo caso si agisce direttamente a livello software, creando su uno dei due terminali una connessione e poi fornendo il nome della rete e la password a tutti gli altri utenti.

Menù Avvio – Pannello di controllo – Rete internet – Visualizza reti e attività – Configura connessione o rete.

Selezionare Configura una rete wireless e avanti

a questo punto scrivere il nome di rete e la password (nessuna, wpe o wpa) e confermare con clic su avanti.

La rete è pronta per l’utilizzo.

Non rimane altro da fare che comunicare i dati agli altri utenti.

Ovviamente la procedura descritta serve per creare una rete locale, quindi interna. Se si ha bisogno del collegamento a Internet, è necessario comunque avere un modem. Da questo punto di vista, è importante sapere che sono disponibili dispositivi che dispongono di funzionalità modem e router, relativamente ai quali è possibile vedere questo sito, e che permettono quindi anche di creare una rete interna.

Come Creare Gruppo su Facebook

Vi voglio spiegare il procedimento per creare un gruppo, chissà se grazie a ciò riuscirete a creare il gruppo più popolare di Facebook.

I gruppi sono delle comunità di persone che concordano con l’oggetto del gruppo per il quale è stato creato.
Facebook è pieno di gruppi che variano dai più divertenti a quelli che toccano tematiche più serie, da quelli sportivi a quelli di disucssione.
All’interno del gruppo si discute con gli altri membri, si condividono video, foto e link. Può essere utile come strumento per conoscere persone o costituire una piccola community all’interno del social network.

Per creare il gruppo, per prima cosa dobbiamo accedere alla pagina dei gruppi e cliccare sul pulsante per crearne uno.
Ci apparirà un modulo di iscrizione.
Dobbiamo compilare il form almeno nei campi obbligatori (Nome del gruppo, descrizione e tipo di gruppo);
Cliccare sul tasto “Crea un gruppo”.

Ora passiamo alla personalizzazione del gruppo.
Seleziona l’immagine che vuoi come copertina del nostro gruppo. Spunta la casella per dichiarare di voler rendere pubblica l’immagine. Infine carica l’immagine premendo sull’apposito tasto.
Scendendo nella compilazione del form, ti sarà richiesto di inserire un sito web (se si possiede) ed i permessi a disposizione degli utenti che si iscrivono al gruppo. Questo spetta a te, in base al gruppo che hai intenzione di creare.
Infine, clicca sul tasto “Salva”.

Finalmente hai creato il tuo gruppo. Ora potrai gestirlo come vuoi, però mancano ancora i protagonisti… ovvero gli utenti da invitare.
Ti apparirà una schermata all’interno della quale potrai selezionare chi invitare. Anche se potrebbe risultare invasivo, ti consiglio di selezionare tutti i tuoi amici.

Come Migliorare WiFi in Casa

Le reti wireless sono sempre più utilizzate e ormai la maggioranza degli utenti utilizza un modem router Wifi per connettersi.

Tramite un dispositivo di questo tipo è infatti possibile collegarsi alla rete anche senza l’utilizzo di cavi, utilizzando strumenti che supportano WiFi, come gli smartphone.

Spesso, però, la rete WiFi generata dal modem router presenta rallentamenti.
Cerchiamo di capire cosa fare in situazioni di questo tipo.

Per iniziare, è importante tenere aggiornato il proprio modem router.
Questo significa che è necessario verificare il sito del produttore, scaricare gli aggiornamenti del firmware e effettuarli regolarmente.
Gli aggiornamenti spesso risolvono problemi e migliorano le prestazioni.

Se il dispositivo è aggiornato, è importante verificare la sua posizione all’interno della casa.
Il modem router dovrebbe essere infatti essere posizionato centralmente, in modo che il segnale possa raggiungere tutti i punti senza problemi.
Posizionandolo in un angolo, il lato opposto della casa rischia di essere poco coperto dal segnale.

Con riferimento alla posizione, è anche importante verificare la presenza di possibili interferenze e riduzioni di segnale causate dalla presenza di oggetti molto voluminosi.
Il dispositivo dovrebbe essere posizionato lontano da questi elementi.

Particolare attenzione bisogna fare alla frequenza.
La maggioranza dei modem router WiFi utilizzando la banda 2,4 GHz.
Questa è sfruttata anche dalle connessioni Bluetooth e dai telefoni cordless, che possono quindi interferire con il segnale, se si trovano nelle vicinanze.

La banda è divisa in diversi canali.
Se nelle vicinanze sono presenti altri modem router che utilizzano gli stessi canali, è possibile che si verifichino delle interferenze.
In questi casi può essere utile cambiare il canale tramite il pannello di controllo.

Se il segnale continua a non raggiungere tutti i punti della casa, è possibile utilizzare un ripetitore WiFi.
Per dettagli sui modelli è possibile vedere questo blog sui ripetitori WiFi.
Si tratta di dispositivi che ricevono il segnale dal modem router WiFi e lo replicano.
Permettono quindi di aumentare la copertura in modo semplice.