Browse Category

Guide

Come Creare Gruppo su Facebook

Vi voglio spiegare il procedimento per creare un gruppo, chissà se grazie a ciò riuscirete a creare il gruppo più popolare di Facebook.

I gruppi sono delle comunità di persone che concordano con l’oggetto del gruppo per il quale è stato creato.
Facebook è pieno di gruppi che variano dai più divertenti a quelli che toccano tematiche più serie, da quelli sportivi a quelli di disucssione.
All’interno del gruppo si discute con gli altri membri, si condividono video, foto e link. Può essere utile come strumento per conoscere persone o costituire una piccola community all’interno del social network.

Per creare il gruppo, per prima cosa dobbiamo accedere alla pagina dei gruppi e cliccare sul pulsante per crearne uno.
Ci apparirà un modulo di iscrizione.
Dobbiamo compilare il form almeno nei campi obbligatori (Nome del gruppo, descrizione e tipo di gruppo);
Cliccare sul tasto “Crea un gruppo”.

Ora passiamo alla personalizzazione del gruppo.
Seleziona l’immagine che vuoi come copertina del nostro gruppo. Spunta la casella per dichiarare di voler rendere pubblica l’immagine. Infine carica l’immagine premendo sull’apposito tasto.
Scendendo nella compilazione del form, ti sarà richiesto di inserire un sito web (se si possiede) ed i permessi a disposizione degli utenti che si iscrivono al gruppo. Questo spetta a te, in base al gruppo che hai intenzione di creare.
Infine, clicca sul tasto “Salva”.

Finalmente hai creato il tuo gruppo. Ora potrai gestirlo come vuoi, però mancano ancora i protagonisti… ovvero gli utenti da invitare.
Ti apparirà una schermata all’interno della quale potrai selezionare chi invitare. Anche se potrebbe risultare invasivo, ti consiglio di selezionare tutti i tuoi amici.

Come Migliorare WiFi in Casa

Le reti wireless sono sempre più utilizzate e ormai la maggioranza degli utenti utilizza un modem router Wifi per connettersi.

Tramite un dispositivo di questo tipo è infatti possibile collegarsi alla rete anche senza l’utilizzo di cavi, utilizzando strumenti che supportano WiFi, come gli smartphone.

Spesso, però, la rete WiFi generata dal modem router presenta rallentamenti.
Cerchiamo di capire cosa fare in situazioni di questo tipo.

Per iniziare, è importante tenere aggiornato il proprio modem router.
Questo significa che è necessario verificare il sito del produttore, scaricare gli aggiornamenti del firmware e effettuarli regolarmente.
Gli aggiornamenti spesso risolvono problemi e migliorano le prestazioni.

Se il dispositivo è aggiornato, è importante verificare la sua posizione all’interno della casa.
Il modem router dovrebbe essere infatti essere posizionato centralmente, in modo che il segnale possa raggiungere tutti i punti senza problemi.
Posizionandolo in un angolo, il lato opposto della casa rischia di essere poco coperto dal segnale.

Con riferimento alla posizione, è anche importante verificare la presenza di possibili interferenze e riduzioni di segnale causate dalla presenza di oggetti molto voluminosi.
Il dispositivo dovrebbe essere posizionato lontano da questi elementi.

Particolare attenzione bisogna fare alla frequenza.
La maggioranza dei modem router WiFi utilizzando la banda 2,4 GHz.
Questa è sfruttata anche dalle connessioni Bluetooth e dai telefoni cordless, che possono quindi interferire con il segnale, se si trovano nelle vicinanze.

La banda è divisa in diversi canali.
Se nelle vicinanze sono presenti altri modem router che utilizzano gli stessi canali, è possibile che si verifichino delle interferenze.
In questi casi può essere utile cambiare il canale tramite il pannello di controllo.

Se il segnale continua a non raggiungere tutti i punti della casa, è possibile utilizzare un ripetitore WiFi.
Per dettagli sui modelli è possibile vedere questo blog sui ripetitori WiFi.
Si tratta di dispositivi che ricevono il segnale dal modem router WiFi e lo replicano.
Permettono quindi di aumentare la copertura in modo semplice.

Come Convertire Docx in Doc

Capita sempre più spesso di dover interagire con due piattaforme Office diverse, una aggiornata al 2007 ed una meno recente, versioni dal 2003 e inferiori. Il problema non consiste nell’utilizzo di una piuttosto che l’altra, bisogna farci solamente l’abitudine, ma nasce quando si tenta di aprire un file dell’ultima versione di Word (docx) con Word 2003 o versioni precedenti (doc). Come risolvere il problema? Bisogna convertire il file docx in un semplice file doc che sia leggibile dalle versioni di Word meno recenti.

Innanzitutto è necessario un convertitore, ovvero un programma o servizio che ti permetta di trasformare il file da docx a doc. Ho individuato un servizio online gratuito, ZamZar.

Si parte! Clicca sul tasto “Sfoglia” e seleziona il file .docx che vuoi convertire (la grandezza massima del file word è di 100mb!).

Apri il menù a tendina, punto, e seleziona la voce “doc”.

Inserisci il tuo indirizzo mail. Questo deve essere valido perchè il file convertito verrà inviato proprio nella tua casella di posta elettronica.
E già che ci sei… perchè non ti registri alla NewsLetter del sito IoPc? Così potrai ricevere tutti gli articoli tramite E-Mail! Se ti interessa questo è il link.

Ora non ti resta che cliccare sul tasto Convert per convertire il file. Apparirà una casella che ti chiederà la conferma per poter iniziare il processo. Faiun click sul tasto “Ok”.
Tempo un paio di minuti ti arriverà, direttamente via mail, il file trasformato. Se non arriva subito non preoccuparti! Il tempo impiegato dal sito per inviare il documento dipende dai processi che sta completando (perchè non sei il solo ad utilizzare questo servizio) o dalla dimensione del file.

Comandi da Tastiera per Utilizzare il Browser

In questo breve articolo vi vogliamo suggerire 10 semplici shortcut (comandi abbreviati da tastiera) per poter fare alcune semplici operazioni che ogni utente quotidianamente esegue.

I consigli che stiamo per darvi sono validi per ogni browser e consentono di far risparmiare parecchio tempo, aumentando di fatto la produttività.

Ctrl+Tab
Consente di passare da una tab ad un’altra tra quelle aperte senza utilizzare il mouse. Questa combinazione permette di passare a quella subito a destra, mentre per fare l’opposto è necessario fare Ctrl+Shift+Tab.

Ctrl+Shift+T
Riapre l’ultima tab chiusa. Questa combinazione ha un valore inestimabile se avete accidentalmente chiuso una tab che stavate utilizzando.

Ctrl+L
Sposta il cursore direttamente sulla barra degli indirizzi evidenziandone tutto il contenuto. In questo modo si è pronti per scrivere il nuovo indirizzo.

Alt+Enter
Apre la location mostrata nella barra degli indirizzi in un nuovo tab.

Ctrl+Enter
Aggiunge www all’inizio e .com alla fine di ciò che c’è scritto nella barra degli indirizzi.

Ctrl+E oppure Ctrl+K
Sposta il cursore nella barra di ricerca del browser, pronto per una nuova query di ricerca.

Alt+Home
A seconda del browser, apre una nuova tab già alla home page impostata per quel browser.

Ctrl+O
Apre la finestra Apri file per poter caricare file dal browser.

Ctrl+J
Apre la storia dei download eseguiti.

Ctrl+Shift+Del
Risulta essere un sistema veloce per accedere alla finestra di cancellazione di tutta la cronologia.

Sperando che questi consigli possano esservi utili durante le vostre navigazioni e che vi facciamo guadagnare tempo, vi auguriamo buona navigazione.

Come Velocizzare Spegnimento di Windows

Con il passare del tempo Windows tende a diventare sempre più pesante, in alcuni casi può anche impiegare minuti interi per avviarsi o spegnersi. Fortunatamente effettuando qualche modifica al registro di sistema possiamo velocizzare lo spegnimento di Windows.

Innanzitutto effettuiamo un backup al registro di sistema, premiamo Win+R e digitiamo regedit quando il registro è aperto andiamo in File-Esporta e salviamo il file sul nostro hard disk. Detto questo ora vediamo come velocizzare Windows.

Tramite questo trick tutti i processi in esecuzione nel momento in cui spegniamo il computer saranno chiusi in automatico, senza nessun azione da parte dell’utente. Sempre Win+R e regedit navighiamo fino a cercare HKEY_CURRENT_USERControl PanelDesktop troviamo la chiave AutoEndTasks e modifichiamo il valore ad 1.

Ci sono tre chiavi di registro che hanno un impostazione ridicola WaitToKillApp, HangAppTime, e WaitToKillServiceTimeout; Con la prima s’imposta il tempo che Windows deve aspettare prima di terminare l’applicazione che si sta già tentando di chiudere, la seconda il tempo prima di iniziare la chiusura, il terzo vale per i servizi Microsoft. Per accorciare questi tempi e velocizzare Windows cerchiamo nel registro di sistema HKEY_CURRENT_USER Control Panel Desktop cerchiamo la chiave WaitToKillApp, HangAppTime, e WaitToKillServiceTimeout e impostiamo 1000 come valore.

Allo spegnimento Windows per sicurezza elimina automaticamente il contenuto del file di paging, in quanto può funzionare da file temporaneo; ma se il computer lo utilizziamo solamente noi non c’è nulla di cui preoccuparsi lo si può disabilitare cosi da velocizzare Windows. Cerchiamo nel registro di sistema HKEY_LOCAL_MACHINE SYSTEM CurrentControlSet Control Session Manager Memory Management. La chiave ClearPageFileOnShutdown va impostata con valore 0.